Blogger Recognition Award

Blogger Recognition Award: ma che davvero?

Grazie per il Blogger Recognition Award! Dopo lo stupore e il piacere nello scoprire di essere stata nominata, devo dire grazie di cuore a chi ha pensato a me e al mio giovanissimo blog per questo riconoscimento. In particolare il mio grazie è moltiplicato per 4: il primo a Carmen di Viaggiatrice da grande il secondo a Silvia di The Food Traveler  il terzo a Laura di Viaggiare con Laura il quarto a Simona di Ci vediamo a cena Continua a leggere

Playa Burriana a Nerja

Temporaneamente chiuso per ferie….altrui

Tempo di ferie. Sono passati tanti, troppi, giorni dal mio ultimo post sul blog. Questa è la prima estate in cui mi trovo a coniugare la mia avventura da travel blogger con la mia professione di albergatrice.

Fino a giugno tutto è andato bene, ma la follia di luglio (e immagino anche quella di agosto) hanno drasticamente spostato l’ago della bilancia (e anche il tempo a disposizione) verso il lavoro in hotel. Ecco quindi che mi vedo costretta a sospendere viaggi, gite e weekend alla scoperta del mondo vicino o lontano che sia; a mettere foto e articoli dei viaggi passati in stand by e a dedicarmi, raccogliendo le poche forze a disposizione, ai miei “cari” clienti. Continua a leggere

Escursione in barca da Krabi

Ode alla bassa stagione

Reduce da un breve soggiorno in un’affollatissima Siviglia, ho realizzato che non sono più abituata a viaggiare in alta stagione. In realtà non lo sono mai stata. Ho sempre lavorato nel settore ricettivo (dalle stagioni in hotel alla consulenza alberghiera). Per cui sono sempre stata abituata a lavorare quando gli altri normalmente vanno in vacanza. Continua a leggere

Arrivo a Phnom Pehn

La disabilità è relativa

Questo post parla di disabilità.  Esulo un po’ dal tema del viaggio che è l’anima di questo blog. Ma lo faccio perché anche io a modo mio voglio contribuire a diffondere un messaggio positivo circa la disabilità.

La giornata mondiale dei difetti congeniti

Oggi è la giornata mondiale dei difetti congeniti, il Word Birth Defects Day  (#WorldBDDay). L’obiettivo dell’evento è quello di aumentare le conoscenze e la sensibilizzazione sui difetti congeniti, sostenerne un maggior monitoraggio per una ricerca volta a individuare le cause e a migliorare la prevenzione. Ma soprattutto la giornata vuole promuovere l’assistenza per aiutare i bambini e gli adulti affetti dai difetti congeniti a migliorare la propria qualità di vita e la partecipazione sociale.

La mia disabilità

Ecco, anch’io sono nata con un difetto congenito, senza il braccio e la gamba destri. Ho sempre indossato delle protesi che mi hanno permesso di affrontare le sfide della vita. Vi posso garantire che questo non ha mai ostacolato i miei progetti né mi ha mai fatto sentire inferiore. Anzi probabilmente questa difficoltà iniziale mi ha spronato ad ottenere quanto più posso dalla vita e il mio blog e le mie foto su Instagram parlano per me. Con il tempo ho realizzato che ci sono persone “normali” con una testa, due braccia e due gambe che non ci provano nemmeno a vivere attivamente la loro vita ma si lasciano semplicemente trasportare dagli eventi, dalla routine e cadono di fronte alla più piccola difficoltà. Mentre le persone messe alla prova da problemi fisici(ma non solo)riescono davvero ad apprezzare il senso delle cose belle.

Questo è il video realizzato per il progetto What if your baby:

screenshot-2017-03-03-17-03-05

 

Tecnologia in viaggio

A volte ripenso con una certa malinconia ai miei primi viaggi. Quei viaggi fatti da minorenne con biglietto InterRail in tasca in cui ci mettevi 24 ore per raggiungere Londra da Milano prendendo 3 treni e un traghetto. Quei viaggi in cui avevi un budget limitato rappresentato dai travellers cheques che avevi in tasca e non c’erano bancomat o carte di credito a rimediare a eventuali imprevisti. Continua a leggere

Confine tra Thailandia e Laos

Il viaggio

Il viaggio per me è un’esperienza che inizia nella mia testa nel momento della scelta della meta e che continua a vivere anche dopo il ritorno nei miei ricordi.

Il viaggio inizia con estenuanti ricerche in internet, prosegue tra le pagine di una guida di viaggio e riempie fogli scritti a matita di modo che ci sia sempre la possibilità di apportare una modifica. Continua a leggere