Il giro delle malghe della Val Venegia

Il giro delle malghe della Val Venegia al cospetto delle Pale di San Martino

Ultimo aggiornamento:

Il giro della malghe della Val Venegia è un facile percorso ad anello che permette di godere di una vista privilegiata sulle maestose Pale di San Martino. Si tratta di una di quelle escursioni che piacciono tanto a me, quelle in cui puoi far andare le gambe e ammirare il panorama che ti circonda senza la tensione di incontrare passaggi impegnativi lungo il percorso. Certo, in montagna un minimo di attenzione è sempre richiesta, ma ti assicuro che questo giro lascerà tutti contenti, dagli adulti ai bambini.

i contenuti dell’articolo:

 

come raggiungere la Val Venegia

All'inizio del giro delle malghe della Val Venegia

All’inizio del giro delle malghe della Val Venegia

La Val Venegia è una piccola valle trentina che si trova all’interno del Parco Naturale Paneveggio proprio ai piedi delle Pale di San Martino. Per la sua posizione nascosta ma accessibile, per la facilità dei sentieri che la percorrono e per la bellezza dei suoi prati solcati dal torrente Travignolo, questa valle è diventata famosa come luogo adatto alle escursioni in montagna con bambini. Anche le famiglie che non sono interessate a lunghe camminate possono approfittare per organizzare un picnic sui prati vicino al fiume o per un gustoso pranzo in malga e una breve passeggiata.

Per raggiungere la Val Venegia ci sono diverse possibilità:

  • se arrivi dalla Val di Fiemme, una volta raggiunta Predazzo devi salire in direzione di Passo Rolle e passato Paneveggio devi svoltare a sinistra verso Passo Valles fino a Pian dei Casoni.
  • da San Martino di Castrozza, invece devi salire fino a Passo Rolle e, una volta raggiunto il passo, devi scendere in direzione Paneveggio fino ad un incrocio sulla destra che porta le indicazioni per Passo Valles, presa questa svolta dopo qualche chilometro arriverai a Pian dei Casoni.
  • se arrivi da Falcade, devi percorrere la strada che sale al passo San Pellegrino e dopo qualche tornante svoltare a sinistra in direzione del passo Valles e una volta superato il passo scendere fino ad arrivare a Pian dei Casoni.

Esiste anche un servizio di navetta gratuita tra Paneveggio e la Val Venegia. Il servizio si svolge ogni giorno da fine giugno ai primi di settembre e solo il sabato e la domenica nella seconda metà di giugno e tra settembre a metà ottobre. Per conoscere gli orari e le date esatte puoi consultare il sito ufficiale del Parco di Paneveggio.

Dove parcheggiare in Val Venegia

La meravigliosa vista sulle Pale di San Martino

La meravigliosa vista sulle Pale di San Martino

La località Pian dei Casoni si trova all’imbocco della Val Venegia. Per parcheggiare l’auto ci sono due possibilità: o la si lascia in una delle due aree di sosta a Pian dei Casoni oppure si prosegue per circa due o tre chilometri su strada sterrata fino ad arrivare al parcheggio più a monte vicino a Malga Venegia.

Dal 29 giugno a metà settembre entrambi i parcheggi sono a pagamento. La sosta a Pian dei Casoni per l’auto costa 3 Euro fino a 4 ore e 5 Euro per l’intera giornata. Il parcheggio presso la Malga Venegia ha un unico ticket giornaliero di 7 Euro.

La scelta è soggettiva: dipende da quanto si vuole camminare e da che giro si vuole fare. Ad ogni modo se decidi di lasciare l’auto nel primo parcheggio sappi che il sentiero per arrivare a Malga Venegia non coincide con la strada su cui transitano le auto. Inoltre tieni presente che è possibile completare il giro ad anello qualsiasi sia il parcheggio che sceglierai perché ci sono due diversi sentieri che dalla Malga Iuribello scendono rispettivamente verso Malga Venegia o Pian dei Casoni.

Il percorso e i tempi di percorrenza del giro delle malghe della Val Venegia

Il giro delle Malghe della Val Venegia misura circa 13,5 chilometri di lunghezza, un dislivello complessivo di 500 metri e si percorre in circa 5 ore.

Ho cercato di riassumere il percorso in una mappa di MyMaps di Google, ma come puoi vedere nelle ultime due tratte vengono riportate solo delle linee stilizzate che non riflettono l’andamento del sentiero.

Da Malga Venegia a Malga Venegiota

L’escursione parte da Malga Venegia situata a quota 1773 metri. Da qui la strada forestale attraversa la valle in leggere salita rivelando dei bellissimi scorci sulle Pale di San Martino.  In circa mezzora di cammino si raggiunge la Malga Venegiota situata a quota 1825 metri. I prati che circondano la malga sono dimore di marmotte e di tantissime mucche che qui pascolano in libertà.

Da Malga Venegiota a Baita Segantini

Dalla Malga Venegiota la strada sterrata prosegue sempre ampia ma la pendenza si fa leggermente più ripida. La vista si apre sulle imponenti pareti del Cimon della Pala e di Cima Vezzana. Quando la strada arriva vicino ai ghiaioni delle Pale inizia una salita più decisa fatta di 11 tornanti che permettono di guadagnare quota e raggiungere i 2180 metri della Baita Segantini. In alcuni punti un sentiero permette di abbreviare il percorso.

La carrareccia che sale a tornanti verso Baita Segantini

La carrareccia che sale a tornanti verso Baita Segantini

La Baita Segantini e il vicino laghetto permettono di godere di una vista privilegiata sulle Pale di San Martino e su Passo Rolle. Purtroppo però, considerata la vicinanza con il Passo Rolle e la facilità del sentiero che li collega, questo rifugio è un luogo davvero affollato, in certi giorni ai limiti della sopportazione.

La Baita Segantini e il suo laghetto

La Baita Segantini e il suo laghetto

Da Baita Segantini a Malga Iuribello

Dalla Baita Segantini si prende il sentiero che scende verso Passo Rolle. In realtà si può scegliere se percorrere la strada sterrata, ampia e meno pendente, ma disturbata dalle navette che salgono da Passo Rolle oppure il sentiero comodo e leggermente più ripido.

Arrivati alla Capanna Cervino si segue il sentiero che si stacca sulla sinistra e si raggiunge la Malga Iuribello. Questa malga offre una terrazza davvero panoramica dove gustare i prodotti locali.

Da Malga Iuribello al parcheggio

Dalla Malga Iuribello per tornare al punto di partenza dell’escursione ci sono due possibilità a seconda di dove hai lasciato la macchina. Direttamente dai prati della malga parte un ripido sentiero che attraversa il bosco e si ricongiunge con una carrareccia che in breve porta a Pian dei Casoni. Se invece vuoi raggiungere il parcheggio a monte, devi ripercorrere l’ultimo tratto del sentiero che scende verso la Malga Iuribello fino ad un incrocio dove un cartello indica il sentiero da seguire per raggiungere la malga Venegiota.

Il giro delle malghe della Val Venegia: passeggino o zaino PORTA-BIMBO?

Il giro delle malghe della Val Venegia con lo zaino porta-bimbo

Il giro delle malghe della Val Venegia con lo zaino porta-bimbo

Sono stata diverse volte in Val Venegia con il mio bimbo quando aveva tra i 6 e i 9 mesi.

In base alla mia esperienza posso dire che per percorrere tutto il giro ad anello è indispensabile lo zaino porta-bimbo senza il quale sarebbe impensabile scendere qualsiasi dei due sentieri  che da Malga Iuribello portano ai parcheggi.

Per una passeggiata breve ci sono stata anche con il passeggino, ma ho percorso solo la strada sterrata che dal primo parcheggio porta fino a Malga Venegiota. Non ci sono particolari difficoltà per il passeggino in quanto il fondo è relativamente regolare e la pendenza dolce e graduale. Da Malga Venegiota fino a Baita Segantini la strada si fa più sconnessa e la pendenza aumenta. Detto ciò non è impossibile arrivare alla baita con un passeggino, ma è sicuramente più faticoso che con lo zaino porta-bimbo.

Alcune considerazioni sul giro delle malghe della Val Venegia

Lungo il sentiero del giro delle malghe della Val Venegia

Lungo il sentiero del giro delle malghe della Val Venegia

Il giro delle malghe della Val Venegia è un percorso molto panoramico che non presenta particolari difficoltà legate al sentiero. Detto ciò però prima di intraprendere questa escursione bisogna tenere in considerazione il dislivello da percorrere in salita (circa 500 metri) e la lunghezza del percorso (circa 14 chilometri).

Due fattori giocano a favore di questa bella escursione. In primo luogo la quota relativamente elevata del percorso permette di godere di temperature gradevoli anche nelle giornate estive più afose. In secondo luogo, i numerosi punti di ristoro distribuiti lungo l’itinerario permettono di fare delle soste e regolare il percorso in base alle proprie necessità.

Il giro delle malghe della Val Venegia: i percorsi alternativi

Segnavia sul sentiero di cresta

Segnavia sul sentiero di cresta

Numerosi sono i sentieri che percorrono quest’area del Parco Naturale di Paneveggio. Io ne suggerisco due: il primo si può integrare perfettamente con il giro delle malghe della Val Venegia, il secondo rappresenta un itinerario alternativo ma davvero molto panoramico.

La prima proposta, per i più allenati, è di allungare il giro delle malghe dalla Baita Segantini per salire alla cima del Monte Castelaz percorrendo il trekking del Cristo Pensante, interessante e panoramica camminata che conduce all’omonima statua.

La seconda proposta invece prevede di lasciare la strada forestale che sale verso Baita Segantini poco dopo la Malga Venegiota per percorrere il sentiero che si stacca sulla sinistra e che permette di raggiungere il Rifugio Mulaz. Considerato il dislivello da percorrere, questa alternativa è dedicata agli escursionisti più esperti e ben allenati.

Per preparare questa escursione io ho utilizzato la Cartina Tabacco n.22 dedicata alle Pale di San Martino, il libro “Primiero e Pale di San Martino” e il libro “Il Parco Naturale di Paneveggio Pale di San Martino”

Vieni a scoprire le altre mie  escursioni con passeggino o con lo zaino porta-bimbo:
salita al Lago di Antermoia con lo zaino porta-bimbo
la passeggiata al Rifugio Fuciade
l’escursione ad anello in Val San Nicolò
i Rifugi Taramelli e Vallaccia in Val Monzoni
l’escursione al Rifugio Alpe di Tires attraverso la Val Duron

I link blu che vedi nel testo sono dei link affiliati: se li usi per acquistare un servizio tu pagherai sempre lo stesso prezzo e io riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a sostenere le spese di manutenzione del blog.

10 pensieri su “Il giro delle malghe della Val Venegia al cospetto delle Pale di San Martino

  1. lisatrevaligie scrive:

    La mie seienne si trova nella fase pigrizia assoluta. Quando stava nel passeggino riuscivamo a camminare molto di più. Ora abbiamo provato a viaggiare con amici, in modo tale da avere qualche compagno con cui condividere esperienze. E devo dire che con gli amichetti è molto più attiva, anche sui sentieri di montagna come questi!

  2. Fabiana scrive:

    Un posto bellissimo, per me che adoro i boschi e la natura! Sono stata lo scorso anno a San Martino di Castrozza, quindi poco distante, e mi ha letteralmente rapito! Adoro questa regione meravigliosa, un polmone naturale!

  3. valekappa90 scrive:

    La Val Venegia! Io AMO questo posto, profondamente! <3 Ho ricordi meravigliosi lì, tra malga Venegia e malga Venegiota, con i miei nonni e le vacanze che facevamo insieme quando ero piccola. Un luogo del cuore dei più importanti per me! Ci sono tornata qualche anno fa, e mi sono emozionata: sia per la bellezza di questi panorami, sia perchè rivedevo me da bambina con i nonni, felice e spensierata…

  4. Lucia scrive:

    Ecco, se non ci sono pezzi impegnativi allora questo giro fa per me. Adoro le Pale di San Martino, è un panorama che riempie il cuore e questo giro è già stato fatto da alcuni colleghi che però non sono riusciti a spiegarmi l’itinerario così bene! Mi salvo il tuo articolo, per la prossima gita in montagna ❤️

Dimmi la tua

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.