Parchi e giardini di Parigi

Passeggiare nei parchi e giardini di Parigi: vi svelo i miei preferiti

Parigi è la capitale europea che ho visitato più volte. Ne sono letteralmente innamorata ed ogni volta che ci torno mi concentro su un quartiere per scoprire nuovi angoli di questa meravigliosa città. Non sono solo le strade o gli edifici ad attirare la mia attenzione, ma ho una vera e propria passione per i parchi e giardini di Parigi.

PERCHÉ amo i parchi e giardini di Parigi

Il verde di Parigi

Il verde di Parigi

Mettiamo subito in chiaro le cose: ho un debole in generale per parchi e giardini, come ho già dimostrato nel mio articolo dedicato ai parchi di Roma. Sarà che la mia anima montanara non riesce a stare più di tanto intrappolata nel traffico cittadino. Sarà che appena vedo un po’ di verde devo andare a scoprire se c’è un sentiero da percorrere. Quando mi trovo di fronte ai cancelli di un parco non posso non varcarli.

Così è successo anche per Parigi che è una delle capitali europei più verdi in questo senso. Giardini pubblici, giardini privati e parchi urbani arricchiscono il patrimonio di questa città e certamente la rendono più vivibile.

I giardini di Parigi sono spazi verdi di piccole e medie dimensioni perfettamente integrati nel centro urbano, soprattutto creati con stile e mantenuti con cura. Sono luoghi ideali per una pausa pranzo, per portare i bimbi a giocare o per recuperare le energie tra una visita culturale e l’altra.

Tra i più famosi giardini di Parigi è doveroso citare i Jardin du Luxembourg, i Jardin des Tuileries e  i giardini del Campo di Marte che circondano la Tour Eiffel.

Qual è il simbolo che ben rappresenta il giardino parigino? Sicuramente la sedia in metallo, per lo più verde e piazzata in punti strategici e panoramici, che invita alla sosta.

Parchi e giardini di Parigi: le famose sedie ai Jardin du Luxembourg 

Parchi e giardini di Parigi: le famose sedie ai Jardin du Luxembourg

I parchi di Parigi invece hanno un’estensione maggiore rispetto ai giardini e si trovano in aree più periferiche della città. Sono perfetti per trascorrere mezza giornata o una giornata intera all’aperto.

Tra i parchi di Parigi più famosi mi sembra doveroso citare  il Bois de Boulogne e il Bois de Vincennes, il parco de La Villette e il parco di Bercy.

Veniamo ora a quelli che sono i miei preferiti tra i parchi e giardini di Parigi e soprattutto perché consiglio di visitarli..

I miei parchi e giardini di Parigi preferiti: Jardin du Luxembourg

I Giardini del Lussemburgo a Parigi

I Giardini del Lussemburgo a Parigi

Se avessi a disposizione un solo aggettivo per descrivere questi giardini, la mia scelta cadrebbe su “eleganti”. Un’eleganza che deriva sia dal luogo in cui sono situati (il VI arrondissement di Parigi, sulla rive gauche della Senna) sia dalla loro storia.

Voluti agli inizi del 1600 da Maria de’ Medici, si ispirano ai Giardini di Boboli a Firenze. Oggi sono uno tra i più grandi giardini pubblici della capitale francese, nonché i giardini del Senato francese ospitato nel bel Palazzo del Lussemburgo  (originariamente realizzato come residenza reale).

Il giardino, caratterizzato per la terra battuta dei suoi camminamenti e la varietà delle piante, ospita un piccolo laghetto e numerose sculture e monumenti. Il più rilevante dei quali è sicuramente la Fontana dei Medici.

Per gli appassionati di letteratura e in particolar modo di Victor Hugo, nel romanzo I Miserabili il giardino è lo scenario della storia di amore tra Cosette e Marius Pontmercy.

Dopo una pausa in questo giardino, potreste partecipare ad un tour a piedi con guida per il quartiere Latino.

I miei parchi e giardini di Parigi preferiti: Jardin Rodin

La statua del pensatore al Jardin Rodin

La statua del pensatore al Jardin Rodin

Intimo” invece sarebbe l’aggettivo con il quale descriverei il Jardin Rodin. Un giardino per il quale ho avuto il classico colpo di fulmine. Come rivela già il nome, il giardino fa parte del Museo Auguste Rodin. Per visitarlo però non è necessario comprare il biglietto del museo. Per i giovani fino a 25 anni è gratuito, mentre per gli altri c’è un simbolico biglietto da 1 Euro. Qualore foste interessati è anche possibile prenotare un tour guidato del Museo Rodin e del suo giardino.

Il giardino ospita alcune delle più famose statue di Rodin, come Il Pensatore, Orfeo implorando gli dei o i Borghesi di Calais. Non solo, è davvero un giardino curato e passeggiare tra le piante, le fontane e il boschetto mette di buonumore. Magnifico il roseto.

I miei parchi e giardini di Parigi preferiti: PARC DE LA VILLETTE

La Villette - la città della scienza a Parigi

La Villette – la città della scienza a Parigi

Il Parco della Villette è uno dei più grandi parchi di Parigi. Se dovessi scegliere il mio solito aggettivo per descriverlo lo definirei “sorprendente“.

Sorprendente perché dietro il suo aspetto di tipico polmone verde cittadino nasconde la Città delle Scienze e dell’Industria più grande in Europa, la Geode (il globo sferico in cui si realizzano proiezioni), la Città della Musica (sede del Conservatorio) e tanti altri spazi espositivi e di divertimento.

Il parco è la meta preferita dai bambini parigini (e non) perché offre originali aree tematiche con giochi che sono delle vere opere di design. Si pensi al Giardino del Drago che ospita un drago di acciaio lungo circa 80 metri, la cui lingua è uno scivolo. Il percorso per accedere allo scivolo, è un divertimento nel divertimento: i bambini devono scalare una rete per entrare nel corpo del drago e poi correre giù verso lo scivolo.

Una visita qui è perfetta per trascorrere una giornata tra la tecnologia, la musica e il verde del parco.

I miei parchi e giardini di Parigi preferiti: il bois de boulogne

Il Ruisseau de Longchamp al Bois de Boulogne

Il Ruisseau de Longchamp al Bois de Boulogne

L’aggettivo che invece riservo per il Bois de Boulogne è “immenso“. Così grande da non essere nemmeno chiamato parco, ma bosco.

Il Bois de Boulogne, nato come riserva di caccia dei re di Francia, è tra i parchi più frequentati di Parigi. Rappresenta un’oasi verde perfetta per rilassarsi con un pic nic o per praticare attività sportiva. Al suo interno troviamo piste ciclabili, percorsi per l’equitazione e piste di pattinaggio. Ci sono anche due laghi collegati tra loro perfetti per gli amanti della pesca e del canottaggio.

Per chi viaggia con i bambini, imperdibile il Jardin d’Acclimatation, un parco avventura con giardino zoologico. Ma il mio luogo preferito all’interno del parco rimane il Parc de Bagatelle che custodisce dei rosai veramente preziosi.

Che ne pensate? Vi ho incuriosito con qualcuno di questi parchi? Se non siete amanti della natura e delle passeggiate, non preoccupatevi: questi luoghi non offrono solo passeggiate e benessere, ma in molti di essei potrete trovare il Wifi gratuito!

Parigi però non ha solo i parchi, scopri cosa fare a Parigi per sentirti un vero turista.

Vi piacciono i parchi delle grandi città? Scoprite allora anche i parchi di Roma.

25 pensieri su “Passeggiare nei parchi e giardini di Parigi: vi svelo i miei preferiti

  1. Silvia - The Food Traveler ha detto:

    Che belli questi parchi, mi piacerebbe vederli soprattutto in questa stagione. Quando sono stata a Parigi l’ultima volta ho avuto pochissimo tempo a disposizione e in più il tempo atmosferico non è stato dei migliori… Ci devo tornare!

  2. Valeria ha detto:

    Sono stata solo al Jardin du Luxembourg, male malissimo! Gli altri tre li devo assolutamente vedere la prossima volta! Comunque il primo è semplicemente magico secondo me <3

  3. Claudia ha detto:

    L’ultima volta che siamo stati a Parigi ci siamo persi nelle viuzze ma direi che la prossima volta si va per giardini…. Bello il tuo articolo pieno di consigli utili.

  4. Valeria ha detto:

    Adoro Parigi, ma non ci sono stata abbastanza per scoprire tutti questi parchi meravigliosi. In quanto a urbanistica è sempre stata un modello da seguire, parola di architetto 🙂 Ti posso però consigliare un altro posticino: il parco di Belleville!

  5. Veronica ha detto:

    Fantastica questa guida dei parchi! La terrò presente la prossima volta che vado a Parigi, ero giusto in cerca di un percorso alternativo!

  6. Paola ha detto:

    Anche io adoro scoprire queste oasi verdi in città. Secondo me non c’è nulla di meglio di un pomeriggio in un parco per ricaricarsi dopo un paio di giorni di turismo sfrenato 🙂

  7. Arianna Lenzi ha detto:

    Leggo il tuo blog “silenziosamente” da un po’, ma con questo articolo hai fatto centro. La mia bella Parigi <3

  8. Carola Sproloquier ha detto:

    Ciao Raffaella! Bellissimo il tuo blog e molto interessanti i tuoi articoli su Parigi, che ho letto uno dopo l’altro. Ho visto ora il tuo commento sul mio articolo del Museo Rodin e sono venuta a trovarti. 🙂

Dimmi la tua

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.