Pasqua in Andalusia

La Semana Santa: come si festeggia la Pasqua in Andalusia

Se mi chiedessero di scegliere una parola che descriva la Pasqua in Andalusia, non avrei dubbi: sceglierei la parola “passione”. Passione intesa in senso religioso come passione di Cristo. Ma anche passione intesa in un senso più ampio di partecipazione e coinvolgimento di un’intera popolazione che prende parte in massa e in modo molto sentito alla Semana Santa.

La Semana Santa è la nostra Pasqua intesa in senso religioso come la commemorazione della passione, della morte e della resurrezione di Gesù. Qui in Andalusia la Semana Santa diventa l’espressione più popolare dello spirito cristiano andaluso e assume le dimensioni di un fenomeno non solo religioso, ma anche socio-culturale, turistico ed economico.

Volete avere un’idea dell’importanza della Pasqua in Andalusia? Guardate il video che la Junta de Andalucia ha preparato per promuovere questa festività.

Le date della Pasqua in AnDalusia

La Semana Santa in Andalusia quest’anno si celebra da domenica 25 marzo (Domenica delle Palme) a domenica 1 aprile. In questa settimana la vita quotidiana degli abitanti e l’apertura di banche e negozi vengono  completamente rivoluzionate e adattate al folto programma delle processioni, che sono le protagonista assolute della Pasqua.

Pasqua in Andalusia

Pasqua in Andalusia – Processione a Malaga

Se state programmando un tour dell’ Andalusia, tenete quindi ben presente che durante questa settimana potrete trovare diversi luoghi chiusi. In particolare il giovedi e il venerdi di Pasqua qui sono giorni festivi.  Ricordatevi anche che, a differenza dell’Italia, il lunedì dopo Pasqua (Pasquetta) non è festivo.

Le processioni della Pasqua in Andalusia

Pasqua in Andalusia - I portatori del trono

Pasqua in Andalusia – I portatori del trono

Durante la Semana Santa, i fedeli (che qui sono numerosissimi) portano i troni delle proprie confraternite in processione per le vie delle città andaluse. Ogni confraternita ha un colore che la rappresenta e, nella maggior parte dei casi, porta in processione 2 troni. Il primo rappresenta Gesù in diversi momenti della passione, il secondo simboleggia la Vergine Maria a lutto. Se pensate che a Siviglia ci sono 60 confraternite e a Malaga più di 40, potete immaginare quindi il gran numero di processioni che attraversano la città concentrate in pochi giorni a partire dal primo pomeriggio fino all’alba.

Trasportare un trono a spalla è davvero un’impresa: il trono della Virgen de la Esperanza di Malaga (uno tra i troni più pesanti) pesa più di 5 quintali e deve essere portato da più di 260 persone. Anche il corteo che accompagna questi troni è davvero impressionante e riesce a creare un’atmosfera emozionante e carica di sentimento religioso. I troni reggono gruppi scultorei o dipinti di valore storico-artistico che rappresentano scene della passione, morte o resurrezione di Gesù. Il corteo è rappresentato da fedeli penitenti vestiti con l’abito tipico della propria confraternita, a volte possono essere bendati, scalzi o incappucciati. Le donne vestono a lutto e indossano scenografiche mantiglie. I bambini in gruppo suonano dei piccoli campanellini, po. Spesso la processione è accompagnata da una banda.

Le strade durante la Semana Santa sono invase da un forte odore di incenso e di gelsomino e al suolo rimane incollata la cera che cola da migliaia di candele.

Le Semanas Santas più famose

Pasqua in Andalusia - Trono di Cristo in processione

Pasqua in Andalusia – Trono di Cristo in processione

Le Semanas Santas di Malaga, Siviglia e Granada sono le più famose e sono classificate come feste di interesse turistico internazionale (analogamente al Carnevale di Cadice).

la pasqua a malaga

Pasqua in Andalusia - Processione di notte

Pasqua in Andalusia – Processione di notte

La Semana Santa di Malaga non è solo un evento religioso, ma ha anche un grande impatto sociale e culturale. Dalla Domenica delle Palme alla Domenica di Pasqua, fatta eccezione per il Sabato Santo, ci sono decine di processioni per le strade della città. Confraternite molto note e con una grande tradizione alla spalle, confraternite più formali e altre popolari dal carattere allegro e coinvolgente convergono nelle strade del centro e le animano.

Molto suggestiva a Malaga la processione dei Legionari. Questo corpo dell’esercito sbarca da una nave nel porto e percorre in divisa le vie della città. Imperdibile!

Lo sapevate che anche Antonio Banderas (originario di Malaga) fa parte della confraternita di Las Fusionadas? In passato ha anche partecipato, incappucciato, alla processione come portatore del trono.

la pasqua a siviglia

Confratelli in processione

Confratelli in processione

La Semana Santa di Siviglia è forse la più famosa dell’Andalusia, sicuramente è la più sentita anche perché conta il numero maggiore di confraternite. Qui ci si prepara tutto l’anno per la Pasqua attraverso azioni di formazione, di preghiera e di carità.

Un punto molto suggestivo dove veder passare le processioni è il ponte di Triana, purtroppo però è anche uno dei punti più affollati!

la pasqua a granada

Pasqua in Andalusia: Vergine in processione

Pasqua in Andalusia: Vergine in processione

Ciò che colpisce della Semana Santa a Granada è la location. Assistere ad una processione con la Sierra Nevada o l’Alhambra come sfondo non ha prezzo. Vedere passare i troni per le stradine del quartiere arabo dell’Albaicin può sembrare una cosa ai limiti del possibile.

Interessante la processione dei gitani del Santísimo Cristo del Consuelo y María Santísima del Sacromonte che dalla Gran Via sale fino appunto al Sacromonte.

Consigli per vivere la pasqua in andalusia

Pasqua in Andalusia: balconi decorati

Pasqua in Andalusia: balconi decorati

Per riuscire a vivere al meglio la Pasqua in Andalusia, potrebbe essere utile tenere a mente questi accorgimenti:

  • Ogni città prepara una pubblicazione con il percorso e gli orari di ogni processione. Per un visitatore non è importante assistere al passaggio di una processione dall’inizio alla fine, ma girare i diversi punti della città per godere di diversi scorci.
  • Se riuscite, al mattino visitate le chiese delle confraternite che usciranno in processione nel pomeriggio: è un ottimo modo per vivere l’emozione della Semana Santa
  • Fate attenzione alla ressa. Soprattutto nelle vie più strette è facile che si formi una calca. Se non conoscete la città (a maggior ragione se avete con voi dei bambini) è meglio stare in luoghi aperti
  • Indossate delle scarpe comode. Dal momento che il centro storico sarà completamente chiuso al traffico per raggiungerlo dovrete camminare. Dovrete girare a piedi nel centro. Dovrete assistere in piedi alle processioni. Non solo, ma la cera delle candele per terra rende il suolo molto scivoloso.

I dolci della Pasqua in Andalusia

Le torrijas, dolce tipico di Pasqua

Le torrijas, dolce tipico di Pasqua – Foto Pixabay

Venendo al lato goloso della Pasqua in Andalusia, non perdetevi le Torrijas. Si tratta di dolci tipici di questo periodo. Sono simili al french toast, ma hanno origini antichissime. Vengono preparate mettendo in ammollo delle fette di pane duro in latte aromatizzato con vaniglia o cannella, si passano nell’uovo e si friggono. Vengono servite spolverizzate con zucchero o cannella.

Buona Semana Santa a tutti!

42 pensieri su “La Semana Santa: come si festeggia la Pasqua in Andalusia

  1. Nahui ha detto:

    Quando vivevo a Siviglia, lavoravo dietro Plaza Nueva e per un po’ ho abitato nel Barrio de Santa Cruz: immagina la difficoltà di arrivare al lavoro durante la Semana Santa, con le strade perennemente bloccate dalle processioni e la gente che si incavolava perché mi facevo largo tra la folla! 😀

  2. Veronica “veramenteveronica” Alberti ha detto:

    mia madre è stata a Granada qualche anno fa nel periodo pasquale e ne è rimasta affascinate
    grazie al tuo racconto ho capito cosa l’ha colpita.

    da credente trovo sempre moto affascinate imapare e conoscere usanze e tradizioni popolari .
    i troni di ogni confraternità in processione deve essere qualcosa di magico

  3. Silvia - The Food Traveler ha detto:

    Nonostante io non sia credente sono comunque sensibile al fascino delle processioni religiose. Mi piacerebbe una volta nella vita vederne una in Andalusia. Per ora mi limito al mio piccolo paese di provincia di 3000 anime dove però la Passione di Cristo è molto “famosa”.

  4. Elisa ha detto:

    Adoro l’Andalusia e ho trascorso diverse vacanze studio a Malaga. Come feste andaluse mi ricordo la Feria… balli fino all’alba. Ma la Semana Santa mi manca!!

  5. robisceri ha detto:

    Amo i riti della Settimana Santa e non stento a credere che in Spagna siano sentiti come da noi. Io amo quelli del sud, tant’è che andrò nel Foggiano per quelle date <3 Detto questo, sai che non ti ho mai chiesto cosa fai in Andalusia? Un bacione Raffa

  6. Paola ha detto:

    Non essendo credente mi sembra strana tutta questa devozione però mi ricordo quando andavo agli scout che molte messe cantate erano davvero coinvolgenti. Credo che per capire davvero questo fenomeno della semana santa dovrei trovarmi lì e viverla!

    • rafaroundtheworld ha detto:

      Infatti. Anch’io non sono credente, anzi a dirla tutta ero pure un po’ prevenuta. Poi una volta che mi sono trovata coinvolta mio malgrado (vivevo in centro a Malaga) mi sono stupita e quasi emozionata.

  7. Alessia ha detto:

    sento una fitta al cuore ogni volta che approdo sul tuo blog e scrivi un post su una terra che amo tantissimo e dove vorre vivere . Gli spot poi…mi fanno partire il brivido lungo la schiena. Credo che conosci bene quello storico della birra Cruzcampo (hecha de Andalucia)…ogni tanto lo cerchiamo su youtube per guardarlo e scende sempre la lacrimuccia!
    Cmq, tornando alla Semana Santa…10 anni fa, quando ero a Malaga, avevo assistito al pre-Semana Santa (perchè per Pasqua ero stupidamente tornata a casa), con varie processioni per spostare le Vergini da una chiesa all’altra.
    I balconi in centro venivano affittati anche a 300 euro per poche ore..la gente impazzita per vedere le processioni nei giorni clou. Il top a Malaga era Antonio Banderas che non si perdeva nessuna processione o funzione religiosa!

  8. VagabondaInside ha detto:

    li ho studiati per anni questi eventi perchè lo spagnolo mi è sempre piaciuto…verrà il giorno in cui questa sarà a mia portata e io sarò li e ti chiamerò!!! Raf, io devo assolutamente andarci!

  9. Selene ha detto:

    Ricordo che era il lontano 2005 ero in vacanza in spagna con la mia famiglia, stavamo passeggiando nel centro di Malaga e abbiamo incontrato un lungo, lunghissimo corteo tutto ero perfetto tantissima gente nel corteo e tantissimi turisti fermi a pregare

  10. claireinsicily ha detto:

    Un post ricco di informazioni davvero importanti per chi desidera scoprire le vere tradizioni di un popolo e le feste popolari (religiose o no) ti raccontano davvero l’anima di un popolo. Bel lavoro 🙂

  11. Anna ha detto:

    Bellissimo questo post, meraviglioso veramente. Non ho mai trascorso la pasqua in posti come quelli descritti , ma credo sia una di quelle cose che ti rimangono. Complimenti vivissimi e auguri di una serena pasqua.

  12. Cristiana Franzini ha detto:

    Hai descritto perfettamente il sentimento andaluso riguardo alla pasqua. Ho avuto la fortuna di assistere a una semana Santa Granada tantissimi anni fa e la passione che ci mettevano le mie amiche anche solo nel raccontarmi in che cosa consisteva era eccezionale

  13. Erica ha detto:

    Sai quanto siamo innamorati dell’Andalusia e la tentazione di viverla durante la semana santa è davvero alta! Quella di Malaga, città che abbiamo adorato, ci intriga molto! Faremo un fischio se verremo!

Dimmi la tua

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.