Reyes Magos

L’Epifania in Spagna: aspettando i Reyes Magos

Carissimi Reyes Magos,
scusatemi se vi scrivo questa mia lettera con solo pochi giorni di preavviso. Lo so, siete molto indaffarati in questo periodo, ma sono sicura che le mie richieste non vi ruberanno molto tempo. Visto come è andata in questo 2017, ho deciso che non vi chiederò più viaggi. A quelli è molto meglio se ci penso io. Vi ricordo che lo scorso anno vi avevo chiesto un aiutino affinché quel famoso progetto di cui vi avevo parlato si potesse realizzare. Deve esserci stato qualche problema con il mio indirizzo perché non ho ancora ricevuto nulla . Non importa comunque, io ho pazienza e, almeno per un altro po’, posso aspettare.  Nel frattempo gradirei ricevere qualche nuovo libro, preferibilmente in italiano e magari di autori emergenti, e un po’ di tempo libero in più per dedicarmi alle mie passioni. Vedete? Non chiedo tanto.
Grazie per l’attenzione e ci vediamo alla Cabalgata del 5 Gennaio.
Raffaella

l’epifania in spagna e los Reyes Magos

Questa, come avrete capito, è la mia letterina per i Reyes Magos. Ebbene si, cari amici italiani, voi avete già sparato tutte le vostre cartucce tra San Niccolò, Santa Lucia e Babbo Natale. Al limite potrete nutrire la speranza di ricevere una calza dalla Befana (con dolci o con carbone, questo è da vedersi). Io invece  sto ancora aspettando il mio regalo perché qui in Spagna i regali, quelli grandi, vengono portati dai Reyes Magos.

I Reyes Magos sono i Re Magi: Gaspare, Melchiorre e Baldassarre che portano in dono a Gesù oro, incenso e mirra. Come in Italia anche qui i Re Magi vogliono rappresentare la popolazione europea (Melchiorre), quella asiatica (Gaspare)e quella africana (Baldassarre). Ma in Spagna i Reyes Magos nella notte tra il 5 e il 6 gennaio passano per le case e portano i regali a tutti coloro che sono stati buoni.

Ecco allora che queste tre figure sono adorate e attese con grande impazienza da tutti i bambini spagnoli. La sera prima di andare a dormire viene lasciato un piatto con dei dolci per i Re Magi e una ciotola con l’acqua per dissetare i loro cammelli.

L’epifania in spagna: la cabalgata dei Reyes Magos

I Reyes Magos non si limitano però a distribuire i doni, ma nel pomeriggio del 5 gennaio organizzano in ogni città una sfilata con carri, musica e maschere. La sfilata è composta, oltre che dai 3 carri dei Re Magi, anche da altri carri e carrozze che rappresentano temi di personaggi per bambini. Nelle città più grandi, tra i carri e le carrozze, sfilano anche animali come cavalli, cammelli. No, gli elefanti ancora no, ma non mi stupirei se ci fossero.

Durante questa sfilata vengono lanciati quintali di dolcetti e caramelle. Tutti i bambini (e gli adulti non sono da meno) che assistono alla sfilata si organizzano con borse, reti e ombrelli per essere in grado di raccogliere quante più caramelle possibili.

Il giorno dopo, il 6 gennaio, che è festivo anche qui in Spagna, i bimbi hanno tutto il giorno per godere dei regali ricevuti la notte e dei dolcetti raccolti durante la Cabalgata.

Il mio incontro con i Reyes Magos a Malaga

La prima volta che ho incontrato i Reyes Magos di persona è stato a Malaga nel 2010. La sera del 4 gennaio i Reyes Magos sono arrivati in città con una nave. Quindi dal porto si è formato un corteo che ha accompagnato i tre ospiti riccamente vestiti (in carne ed ossa, uno europeo, uno asiatico e uno africano) fino all’Alcazaba dove hanno passato la notte. Questo corteo era formato, oltre che dai 3 Magi, da persone in sfarzosi costumi e da animali dai paramenti riccamente decorati. Prima di essere ospitati all’Alcazaba, i Reyes Magos si sono rivolti alla folla con un breve discorso ripreso anche da due o tre televisioni locali.

Il corteo dei Reyes Magos arriva a Malaga

Il corteo dei Reyes Magos arriva a Malaga

Il giorno dopo c’è stata la Cabalgata. Questa sfilata è passata tra le vie del centro, lungo un percorso di qualche chilometro, coinvolgendo carri, gruppi di ballo e bande musicali. Per l’occasione, Calle Larios che è il corso della città è stata preparata con delle sedie disposte su tre file per permettere a chi le affitta di vedere più da vicino lo spettacolo e assicurarsi un mare di dolcetti.

Malaga, 2010. In attesa della sfilata dei Reyes Magos

Malaga, 2010. In attesa della sfilata dei Reyes Magos

Epifania in spagna: La Cabalgata del 2018 a Malaga

Malaga, 2010. La Cabalgata de los Reyes Magos e la folla

Malaga, 2010. La Cabalgata de los Reyes Magos e la folla

Se siete a Malaga il 5 gennaio non potete assolutamente perdevi questo spettacolo. La Cabalgata del 2018 sarà composta da 10 carri, intervallati con gruppi in maschera, ballerini e bande musicali. Verranno distribuiti oltre 4 milioni di chili di caramelle.

I tre grandi carri su cui viaggeranno i Reyes Magos saranno l’attrazione principale dell’evento con i loro 10 metri di lunghezza e 4,5 metri di altezza. Gli altri carri si ispireranno a diversi temi: 3 saranno a tema religioso (i pastori, gli angeli e la nascita di Gesù) e gli altri 4 si ispireranno al mondo dei cartoni animati (La carica dei 101, Scooby Doo, Il Re Leone e Hotel Transilvania).  A bordo di ogni carro ci saranno dei bambini (quasi 300 in totale) incaricati ad aiutare i Reyes Magos lanciando le caramelle al pubblico.

Percorse le principali vie del centro e raggiunta la Cattedrale, i Reyes Magos vi entreranno ad omaggiare Gesù con i loro regali.

Io non posso perdermi questo spettacolo, e voi?

Boutique dei Viaggi  - Qatarairways

23 pensieri su “L’Epifania in Spagna: aspettando i Reyes Magos

  1. Rivogliolabarbie ha detto:

    Che bella tradizione! Non la conoscevo ma la trovo davvero interessante! Io da brava italiana mi sono giocata tutto con Babbo Natale ma la notte del 5 gennaio, ancora alla veneranda età di 34 anni, lascio un tè caldo con biscotti per la Befana. Devo dire che, a corrente alternata, ho avuto le mie soddisfazioni 😂

    • rafaroundtheworld ha detto:

      Ma è bellissimo, la Befana che passa da te è proprio una vecchina fortunata! 😉 Io, da brava expat, faccio valere entrambe le tradizioni così se Babbo Natale delude punto tutto sui Reyes Magos. Buon anno! 🙂

  2. oltreleparole ha detto:

    Deve essere stato bellissimo a Malaga! Ci vado spesso ma non ci sono mai stata per le feste managgia! ps. Quando ero bambina i regali anche per me arrivavano il 6 gennaio. Vero che credevo alla befana e non ai re magi, ma babbo natale non mi ha mai portato nulla a me! 😀

  3. Alessia ha detto:

    Anche qui stanotte sono passati i Re Magi con tanti doni… Anche se il monello non si é comportato molto bene. Ieri ci siamo persi la cabalgata de los reyes per le strade di Barcellona perché si é addormentato 🙁 per il ponte del primo maggio torno a Malaga…dopo 10 anni… Sono emozionata

  4. Valentina ha detto:

    È sempre bello scoprire le tradizioni di culture diverse dalla nostra! Anche io voglio scrivere una letterina ai Reyes Magos! Anche se non mi lamento, perchè la Befana qui mi ha portato cioccolato e caramelle 😀

  5. robisceri ha detto:

    Buona Epifania in ritardo! Molto interessante questa storia dei Reyes Magos: mi ci vedo in giro per le città spagnole con gli ombrelli aperti per raccattare dolcetti 🍫 😅

  6. My IBEROSTAR 10%

Dimmi la tua