Cosa fare a Luang Prabang

Luang Prabang, il Laos che non è Laos. Una cittadina a sé, unica nel suo genere, per me affascinante e deludente al tempo stesso. Uno di quei posti che ti fa sentire lontano anni luce dalla tua vita moderna e routinaria, sospeso in un tempo indefinito e libero di entrare in contatto con la realtà locale studiandone i colori, i sapori e gli odori. Questo è il mio ricordo di Luang Prabang, la cittadina del Laos che ho visitato nel mio primo viaggio fuori dall’Europa. Ma cosa fare in questa cittadina immersa nella giungla e di difficile accesso? Ecco le mie proposte:

La visita della città. La parte più interessante della città è piuttosto piccola, si tratta di due strade parallele racchiuse tra i fiumi Mekong e Nam Khan. Per cui per visitarla è sufficiente una bella passeggiata che includa il Museo Nazionale, il Wat Mai (il più grande tempio cittadino) e il Wat Xieng Thong (tempio dai mosaici policromi) .

La salita al Mount Phousi. Si tratta di una piccola collina nel centro della città. Una suggestiva scala illuminata da candele vi permette di raggiungere la cima dalla quale si gode un bel panorama della città e dei dintorni. Consiglio di salirci al tramonto

Il food market e il night market. Il night market è davvero interessante, paragonandolo a quelli visti in Thailandia, devo dire che i prodotti mi sono sembrati più autentici e a prezzi onesti. Il food market è davvero locale, con pochi stand per turisti e molte prelibatezze/stranezze locali.

L’Elephant Village. Questo centro di recupero per elefanti altrimenti usati per lavori agricoli è un luogo davvero interessante. L’escursione giornaliera, abbastanza costosa ma per una giusta causa, si sviluppa attorno al mondo di questi animali. Si impara a conoscerli, ad accudirli e perfino a “cavalcarli” per una passeggiata nella foresta.

La questua mattutina. Ai più mattinieri consiglio di non perdere il tak bat, la processione mattutina dei monaci che raccolgono le elemosine per i templi. Un rito suggestivo, ahimè sempre più spesso rovinato da turisti irrispettosi.

L’escursione in barca alle grotte di Pak Ow. Questa escursione potete organizzarla anche da voi. Scendete alla riva del Mekong e chiedete al proprietario di una barca di portarvi a visitare le grotte. Probabilmente se c’è qualche altro viaggiatore interessato finirete con il dividere il costo, peraltro abbastanza contenuto. Le grotte sono 2 ambienti sul fianco di una montagna al cui interno potrete vedere una distesa di statuine di Buddha dalle dimensioni, dalle forme e dai materiali più disparati. Più di tutto ho apprezzato la navigazione lungo il Mekong che offre degli scorci di vita quotidiana sulle rive del fiume.

La cascate Kuang Si. A queste cascate ci siamo arrivati con un trekking organizzato che attraversa la giungla e un villaggio Hmong. Interessante il percorso a piedi, meravigliose le cascate con un bagno finale in alcune pozze di acqua cristallina.

Godersi i caffè e i ristoranti con vista. Luang Prabang offre una vasta scelta di locali con terrazze vista fiume nei quali sedersi a godere il panorama e la vita che scorre attorno. Il tutto accompagnato da una birra Lao e qualche prelibatezza locale. Imperdibile.

 

 

 

 

 

2 pensieri su “Cosa fare a Luang Prabang

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...