In viaggio con la tecnologia

A volte ripenso con una certa malinconia ai miei primi viaggi. Quei viaggi fatti da minorenne con biglietto InterRail in tasca in cui ci mettevi 24 ore per raggiungere Londra da Milano prendendo 3 treni e un traghetto. Quei viaggi in cui avevi un budget limitato rappresentato dai travellers cheques che avevi in tasca e non c’erano bancomat o carte di credito a rimediare a eventuali imprevisti. Quei viaggi in cui dipendevi realmente da una guida cartacea, da una mappa sgualcita e dai racconti dell’amico di un’amica. Quei viaggi in cui per avvisare casa che stavi bene dovevi cercare prima di tutto una cabina telefonica e quindi richiamare dalla tua agendina cartacea il numero della Telecom per chiamare a carico i tuoi genitori….Certamente a quei tempi (per intenderci, stiamo parlando di 20 anni fa) era molto più facile distinguere i turisti dai veri viaggiatori.

Oggi la tecnologia ha semplificato le cose. Da un lato io stessa ne ho beneficiato perché voli low cost, carte di credito, blog di viaggi, smartphone & co mi hanno permesso di organizzare dei viaggi indimenticabili in tempi brevi e con un livello di informazione molto accurato. Dall’altro molte persone hanno iniziato a viaggiare dando per scontate queste innovazioni e finendo molto spesso per abusarne: turisti che se si scarica lo smartphone rimangono senza Google Maps  e si sentono perduti, nel vero senso della parola! Potrei continuare l’elenco, ma magari tengo i casi disperati che ho in mente per partecipare al contest #worstintravel de Il mondo secondo Gipsy.

Quindi dicevamo la tecnologia ha facilitato i viaggi….ma io come la uso? Iniziamo dalle foto, le foto dei miei primissimi viaggi  sono tutte stampate da rullino. Sono foto più o meno belle ma sono certamente foto pensate e scattate con un’idea precisa perché a ogni foto corrispondeva un costo di sviluppo. Ora le macchine digitali mi hanno portata alla sperimentazione, quindi mi lancio anche in foto improbabili e certamente il numero delle foto con cui ritorno da ogni viaggio è aumentato drasticamente. Ecco allora che una volta a casa non mi limito ad archiviare le mie foto magari eliminando quelle meno riuscite, ma inizio una vera e propria selezione come a voler creare un album delle foto più belle (di solito il principio è quello di scegliere da 1 a 3 foto per ogni luogo simbolo visitato). Questo mi aiuta a dar maggior valore (anche sentimentale) ai miei scatti.

Ma veniamo alla nota dolente: lo smartphone. Come lo uso quando viaggio? Innanzitutto lo cerco di utilizzare il meno possibile. Se sto vivendo un viaggio, voglio assaporarmi il momento e non voglio essere disturbata da chat di Whatsapp, da notizie di Facebook o da qualsiasi cosa che mi riporti alla mia vita quotidiana. L’unica eccezione la faccio per Instagram dove amo pubblicare live alcune foto. Quindi spesso il mio telefono rimane chiuso durante il giorno nella safe box della camera e se decido di portarlo con me certo non mi metto a utlizzarlo mentre sto visitando se non per consultare qualche mappa o informazione al volo… Poi sono umana e certamente la sera in hotel posso dedicarci un po’ di tempo, ma sarà proprio perché per me i social sono marginali alla mia esperienza di viaggio che non capisco veramente chi in viaggio continua a seguire questo o quel gruppo di Whatsapp non tentando neanche di lasciare a casa la propria routine.

E le mappe poi, quanto sono dannose? Non ci permettono più di perderci e di scoprire angoli nascosti. Ecco, a parte qualche (da parte mia) integralismo nei confronti della tecnologia, penso che debba essere sempre chiaro che il suo fine e cioè il fatto che ci debba aiutare e facilitare nell’organizzazione e nello svolgimento di un viaggio e non renderci completamente dipendenti.

E voi che rapporto avete con la tecnologia prima e durante il viaggio? Sono proprio curiosa!

 

3 pensieri su “In viaggio con la tecnologia

  1. Paola C. ha detto:

    Hai ragione, come per ogni cosa anche per i viaggi al tecnologia è un’arma a doppio taglio e questo va dalla macchiana fotografica ( le foto sviluppate dal rullino! Sembra un’altra epoca!) alla guida, all’aereo, al treno etc etc etc. Facilita i viaggi ma fa perdere un po’ il gusto dell’imprevisto e dell’avventura…

    Liked by 1 persona

    • Raf ha detto:

      Ciao Paola, grazie per il commento! Credo che l’importante sia essere consapevoli di come viaggiavamo anni fa e di come viaggiamo ora per apprezzare i cambiamenti senza dimenticare. Io grazie a Internet ho organizzato un trekking in una valle remota del Perù che in passato non avrei mai potuto né conoscere né raggiungere. Buona settimana.

      Liked by 1 persona

      • Paola C. ha detto:

        Io in Peru’ ci sono stata vent’anni fa con un gruppo di amici dell’universita’, con pochi travellers cheques in tasca, lo zaino e la Lonely Planet cartacea. Certo, senza smartphones o googlemaps. Quando ci penso mi chiedo come abbiamo fatto a non perderci e a ritornare a casa tutti interi. Ma l’abbiamo fatto ed e’ stato un viaggio incredibile. E nello zaino avevo 10 rullini da 36 foto da sviluppare… 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...